sabato 4 febbraio 2017

IL PONTE SUL RENO DI GIULIO CESARE


IL PONTE SUL RENO DI GIULIO CESARE.


Questo “lavoretto paesano” del prof. Francesco Maria Pellegrini analizza la struttura del ponte costruito da Giulio Cesare sul fiume Reno, così come descritta nel libro IV° del “de bello gallico”, dandone una propria interpetrazione.  

NOTA: La struttura militare in legno, atta a permettere il passaggio del fiume Reno fu concepita da Cesare nel corso delle due campagne contro i popoli germanici, durante la conquista della Gallia.
Cesare lanciò due ponti sul Reno per intimorire i Germani, che più volte avevano oltrepassato il corso d’acqua razziando le regioni vicine comprese nei domini romani.




Nei siti internet si trovano del ponte di Cesare schemi di strutture, che differiscono da quanto ipotizzato da Francesco Pellegrini, come quella di seguito riportata.
Alla solidità bisognava affiancare l’elasticità, per cui non vennero utilizzati chiodi, ma legature in corda. Vennero anche approntate altre opere di rinforzo secondarie: a valle furono fissati altri pali obliqui per aumentare la resistenza alla corrente del ponte, mentre poco più a monte vennero costruite delle palizzate per attutire eventuali colpi subiti da alberi o navi che le popolazioni germaniche potevano lasciare nel fiume in modo da danneggiare il ponte.
Il ponte doveva avere una carreggiata di circa 4 m ed era lungo poco meno di 500 m, con 56 campate di 8 m che costituivano il ponte sul Reno. L'opera secondo Cesare fu completata in soli dieci giorni.”

Schema della struttura del ponte:


1 commento:

  1. Interessantissimo, grazie! (arlindo.castanho@gmail.com)

    RispondiElimina